Audizione alla Commissione commercio del 28 marzo

copertina dossier mercati e pup light

Si è svolta il 28 marzo  l’audizione di Carteinregola e Difendiamoimercatirionali presso la Commissione Commercio sul tema “Pup e mercati rionali”.

Pochi i consiglieri presenti, oltre al Presidente Corsetti, che tuttavia ha ascoltato con grande attenzione la nostra relazione (vedi dossier sottostante) ed ha accolto le nostre richieste, che  – come  al solito – si possono riassumere in tre punti:

  • verifica attraverso l’Aavvocatura comunale degli eventuali “diritti acquisiti” dei proponenti dei PUP (tra cui quelli per gli interventi di ampliamento dei parcheggi sottostanti alcuni mercati rionali) in assenza di stipula di convenzione o altro titolo e verifica della legittimità  di affidare gli interventi a privati senza le gare di evidenza pubblica  prescritte dalle normative europee
  • verifica della fattibilità tecnica degli  interventi di ampliamento dei parcheggi  sotto i  mercati rionali senza rischio per gli edifici prima della eventuale stipula della convenzione e non – come previsto ora – dopo la firma della concessione, quando il concessionario deve sottoporre  il progetto strutturale all’esame tecnico della Commissione Alta Vigilanza
  • Condivisione con operatori dei mercati, comitati di quartiere e cittadini di qualunque ipotesi   di progetto di riqualificazione dei mercati rionali, in particolare per quelli che prevedono il coinvolgimento di privati.

In proposito il Presidente Corsetti ci ha comunicato che la Commissione Commercio sta elaborando un nuovo Regolamento riguardante il commercio stanziale e ambulante sulle aree pubbliche (come riportato  dal comunicato in calce) e ci ha proposto di collaborare alla sua stesura.

mercato piazza dell'unità lightInoltre ci ha informato dell’avvio del progetto del mercato di Piazza dell’Unità, la cui ristrutturazione dovrebbe essere promossa dagli stessi operatori del mercato, e si è detto disponibile a fissare un’audizione con gli operatori del mercato Flaminio 2 che da tempo hanno messo a punto un analogo progetto, che finora – nonostante una infinita serie di incontri  – non ha avuto seguito nè con la precedente amministrazione, nè con l’attuale assessorato al Commercio.

mercato flaminio 2

Sopraluogo di comitati cittadini, operatori e cvonsiglieri municipali al Mercato Flaminio 2

____________________________________________________________________

AMBULANTI, CORSETTI: “NECESSARIE SPECIFICHE MISURE D’INTERVENTO”
(OMNIROMA) Roma, 31 MAR – “Nell’intento di rendere più efficace l’azione dell’amministrazione in tema di commercio sulle aree pubbliche, settore particolarmente bisognoso di attenzione le cui criticità sono sensibilmente peggiorate negli ultimi anni, ho deciso che – a partire dal prossimo venerdì alle ore 12 – la commissione capitolina commercio, si riunirà con cadenza settimanale per affrontare tutte le tematiche legate al commercio sulle aree pubbliche”. E’ quanto dichiara Orlando Corsetti, Presidente della commissione capitolina commercio e consigliere del Pd.
“Nel corso delle prime riunioni – continua Corsetti – la commissione, oltre a dotarsi di un metodo di lavoro, si occuperà di raccogliere tutte le segnalazioni che le organizzazioni sindacali di categoria riterranno di inviare sull’argomento”.
“Ritengo assolutamente necessaria l’adozione di specifiche azioni di intervento legate ai criteri e alle modalità di gestione delle autorizzazioni visto che le problematiche legate al settore stanno determinando un notevole degrado e preoccupanti tensioni tra gli operatori”, conclude Corsetti.

Scarica in download il Dossier di Carteinregola, Cittadinanzattiva lazio Onlus, Mobilitiamoci e Comitati NOPUP/Sosta sostenibile consegnato al Presidente Corsetti  dossier pup e mercati 26 marzo 2014

IL COMUNE PER I MERCATI RIONALI

mercato piazza dell'unità light[dal sito del comune di roma]

Acilia-Dragona, in concessione le aree comunali. Il ricavo per ristrutturare i mercati rionali

Roma, 29 novembre – Approvata dall’Assemblea Capitolina una delibera che stabilisce la concessione in diritto di superficie di un’ampia area del territorio romano, quadrante sudovest, per destinare i ricavi a rilanciare e migliorare un importante servizio cittadino. Il provvedimento accorda la concessione di 40.540 metri quadri di proprietà capitolina, nel comprensorio di Acilia-Dragona, agli artigiani e alle piccole imprese industriali che vi svolgono le loro attività. Dai canoni di concessione si prevede di ricavare oltre 440mila euro.

La delibera è propedeutica all’approvazione del bilancio ed è stata licenziata nell’ambito del dibattito in Aula Giulio Cesare sulla manovra finanziaria del Campidoglio, con un emendamento (a firma del consigliere Corsetti) che determina l’impiego dei canoni di concessione a beneficio dei mercati rionali .

“Finalmente la discussione sul bilancio è entrata nel vivo”, ha commentato l’assessore a Roma Produttiva Marta Leonori. “Con l’approvazione della prima delibera propedeutica alla manovra, il paziente lavoro di quanti si adoperano per Roma ha portato a un primo importante risultato. Con il provvedimento deliberato oggi si procederà alla verifica delle aree in zona Acilia-Dragona destinate a insediamenti produttivi, industriali e artigianali, di proprietà dell’Amministrazione, da concedere in diritto di superficie. Il ricavo che ne deriverà, anche grazie all’emendamento a firma Corsetti, sarà destinato al rilancio dei mercati rionali, tema su cui sto lavorando dai primi giorni”.

“Nel bilancio 2014″, ha concluso Leonori, “lavoreremo, anche con il contributo dell’Aula, per realizzare altri provvedimenti concreti a sostegno della piccola e media imprenditoria, così necessari a rilanciare il tessuto economico di Roma”.

Qualcosa comincia a muoversi in difesa dei mercati rionali…

VERDUREMERCATOL’ASSESSORE LEONORI LANCIA L’IDEA DELL’APERTURA SERALE DEI MERCATI RIONALI

(DIRE) Roma, 16 set. – Spunta l”idea apertura serale per i mercati rionali della Capitale,una proposta che potrebbe portare “piu” sicurezza” e anche “rilanciare l”economia cittadina” tramite maggiore visibilita” e attivita”, come gia” succede in molte citta” europee, come Barcellona, Madrid e Budapest. Ad annunciarlo l”assessore a Roma produttiva, Marta Leonori, partecipando alla presentazione di uno studio sui mercati giornalieri romani condotto dal Sacea per conto della Cna. “C”e” gia” una bozza di provvedimento unico- ha spiegato Leonori- che va verificata con gli operatori e con le associazioni per dare la possibilita” alle strutture che ne facciano richiesta e in cui ci sia una percentuale di operatori che aderisce all”iniziativa, di essere aperte fino a sera. Bisogna concordare le modalita”, gli orari d”apertura (si ragiona sulla chiusura alle 22.30, ndr) e capire se ci possono essere delle problematiche”. Questo, ha sottolineato l”assessore, “permetterebbe di avere dei mercati che abbiano un presidio di operatori che li tengano aperti e vivi, il che la sera e” ancora piu” importante anche per ragioni di sicurezza”. Una strada non percorribile magari a Campo de” Fiori, dove i banchi vanno smontati all”ora di pranzo, ma che potrebbe portare nuova linfa a realta” come quelle di Testaccio, Ponte Milvio, piazza Epiro o Cola di Rienzo. E anche in tempi relativamente brevi, perche” dopo la concertazione con operatori e associazioni, il provvedimento “potrebbe arrivare in giunta gia” prima di Natale”. Resta da capire se “potra” essere un”iniziativa slegata o se sara” meglio integrarla nel Testo unico del commercio su cui sta lavorando la Regione Lazio”, e che dovrebbe essere realta” all”inizio del 2014.

copertina indagine saceaCOMUNICATO STAMPA DELLA SACEA Roma, 16 settembre 2013: Gli artigiani resistono meglio nei mercati

“Ripensando il mercato”: presentata oggi l’indagine di S.A.C.E.A. sui mercati giornalieri di Roma

 Il calo dei consumi e il dilagare delle grandi strutture commerciali hanno determinato una chiusura di circa il 10% dei banchi dei mercati rionali negli ultimi anni. Ma c’è un dato in controtendenza: quello dei laboratori artigianali. Da quando, nel ’91, sarti, calzolai, restauratori, idraulici e falegnami hanno avuto la possibilità di operare nei mercati, i laboratori sono aumentanti al ritmo del 10% annuo e in tutta la città oggi se ne contano 117. Lì gli artigiani possono beneficiare di canoni – per spazi che non superano i 20/25 metri quadrati- più economici rispetto all’affitto di locali privati. Lo studio sui mercati rionali è stato presentato oggi da S.A.C.E.A alla Casa delle Imprese della Cna di Roma e contiene un quadro dettagliato sui mercati rionali della città. Condotto per Cna grazie al contributo della Camera di Commercio di Roma, lo studio contiene un’appendice di proposte per l’amministrazione capitolina, a partire dalla revisione del modello del project financing.

La novità metodologica di S.A.C.E.A. fornisce per la prima volta una fotografia del settore, con un quadro dettagliato dei comparti merceologici ospitati.

I mercati romani sono, secondo l’indagine, 120. In questo numero sono comprese le strutture coperte (29), i plateatici attrezzati, cioè le aree recintate che ospitano banchi, impianti e servizi (35) e include 56 mercati che insistono su aree improprie.

Oltre che dalla diffusione della grande distribuzione, il calo dei banchi e la crisi dei mercati è stato determinato, negli ultimi anni, da un cambiamento negli stili di vita dei romani. Tra le cause nello studio si evidenzia anche la difficoltà dell’amministrazione comunale a gestire la fase transitoria di adeguamento delle strutture e la scarsità di risorse messe a disposizione. Alla crisi ha contribuito anche la diffidenza degli operatori nei confronti dei cambiamenti che si sono resi necessari nel corso degli anni.

Il numero di piccole imprese in attività risulta inferiore rispetto alle autorizzazioni comunali in essere: 4.078 (1499 nei mercati coperti, 1.402 nei plateatici attrezzati, 1.177 in quelli in sede impropria) contro le circa 4.500. La differenza si spiega con il fatto che molti esercenti preferiscono conservare l’autorizzazione nella speranza di poter prima o poi riavviare l’attività.

Quanto all’offerta merceologica, il settore ortofrutticolo è il più rappresentato con un banco su tre che rientra in questa categoria; seguono le “macellerie” (10%) a breve distanza dalle “pizzicherie” (9%), seguite dalle “pescherie” (6%). Il resto del settore alimentare non specializzato rappresenta un ulteriore 13%, il restante 27% è legato alle attività non alimentari, con “abbigliamento” e “casalinghi” in cima alla classifica.

SCARICA L’INDAGINE DELLA SACEA (CNA) indagine CNA formato scaricabile

A Milano parte un progetto di riuso temporaneo in un mercato

logo-b6cd39e87f19bc8a3ced706cf1469ad3dal sito http://www.nonriservato.net

 

Revolve!17 LUGLIO 2013

REVOLVE è un progetto di riuso temporaneo e arte pubblica nel mercato coperto Montegani, avviato lo scorso settembre 2012 dall’Associazione Temporiuso.net in collaborazione con l’Associazione Culturale Hc e gli Studenti del DAStU del Politecnico di Milano.

IMG_3108

La “Boqueria Montegani”/mercato-ristorante (così soprannominato da TuttoMilano e Corriere della Sera) ha riaperto  Mercoledì 17 Luglio 2013, in orario aperitivo, dalle ore 18:30 alle 20:30 con una ricca degustazione di “tapas mistas”, sul modello dell’aperitivo spagnolo.

Il mercato diverrà inoltre spazio espositivo per Artisti e Associazioni culturali che operano nel quartiere.

MERCATO COPERTO MONTEGANI | Via Montegani 35 (MM Abbiategrasso)

Per il programma dettagliato e maggiori informazioni:
http://www.temporiuso.org/?page_id=3222
https://www.facebook.com/events/450714068357875/?notif_t=plan_user_joined

Foto di Martina Corà

FOOD MARKETS Profumi e sapori a km 0 su Rai5

Foodmarkets banner general email only fm

Giovedì 30 maggio alle 21:15 su RAI5

Barcellona – La Boqueria , barcellona, profumi e sapori, km 0,la prima puntata di: FOOD MARKETS Profumi e sapori a km 0

repliche SABATO 19.45 DOMENICA 13.00 LUNEDI’ 08.45 MERCOLEDI’ 00.00 gli orari potranno subire variazioniIL MERCATO DELLA RAMBLA

quim marquez 4Barcellona è una città meravigliosa, ricca di opere lasciate da grandissimi artisti come Miró, Gaudi e Picasso. Ma alla sua corona si aggiunge un altro gioiello, la Boqueria, il mercato alimentare tra i più conosciuti al mondo. Dal punto di vista degli amanti del cibo questa è la più importante attrazione cittadina.

Untitled-4 Lasciatevi trasportare in un viaggio attraverso i sensi in compagnia dei nostri protagonisti alla scoperta dei segreti gastronomici. In un paese dove la Tortilla è regina, incontreremo un allevatore che ha più di 125.000 galline, un pasticciere che ogni mattina vende i più sfiziosi dolci della regione e uno chef che prepara i migliori gamberi di tutta Europa !

Stefilm logo

I mercati rionali secondo il Sindaco Alemanno

macellaio 3da Ostia Today, 2 maggio 2013 Ostia, Alemanno: “Sì ai mercati. Stop ai Centri Commerciali”  (…)Questa è la vostra piazza, – continua il Sindaco – il vostro incontro è la grande tradizione dei mercati rionali italiani che trova nuova vita. Non dobbiamo perdere la realtà dei mercati rionali perchè fa parte della nostra identità cittadina. Guai a perdere questa tradizione perchè fa parte del nostro essere italiani. Dico a tutti i cittadini presenti oggi: tornate perchè qua c’è la vita, la bellezza, il contatto umano. Non sono i freddi scaffali dei centri commerciali, è la vita vera. Innamoratevi di questo mercato e fatene un grande centro di vita”“ (vai all’articolo). In realtà la giunta Alemanno, in testa l’Assessore al Commercio Bordoni,  ha avviato decine di project financing che prevedono di cedere a privati molti mercati rionali di Roma, per abbatterli e  ricostruirli con varie cubature in più, destinate ad appartamenti, uffici e locali commerciali (> vai alla pagina). Persino all’interno della maggioranza s’è creato un fronte contrario che al momento sembra aver bloccato i progetti… (> vai all’articolo del 26 ottobre 2012).

Non resta che augurarsi che le parole del Sindaco indichino un autentico, seppur tardivo, cambiamento di rotta e non siano solo “di circostanza”…

La Delibera 129 è stata ritirata

Durante l’ultima movimentata Assemblea Capitolina del 9-10 aprile (è durata  32 ore, con un intervallo di 8 ore dalle 5 alle 13), la Delibera dello scambio immobiliare dei mercati, dopo essere stata molto vicina ad arrivare al voto, è stata ritirata*.

1337697743_invito_mercato_metronio_

Ma  Difendiamoimercatirionali, Cittadinanzattiva Lazio onlus, i Comitati NO PUP, il Comitato Porta Asinaria, il Comitato Salviamo il Mercato di Via Chiana, Carteinregola,  insieme agli operatori dei mercati, non la considerano una vittoria definitiva. E’  solo un primo passo  verso il rilancio dei mercati, una risorsa della collettività a cui bisogna restituire il giusto valore.  E fermare il passaggio delle tre strutture in mani private non è, e non è mai stato, l’obiettivo principale degli operatori e dei comitati. Il vero  scopo era  ridare ai mercati una nuova identità e  al quartiere una “piazza pubblica”, con un’offerta di merci di qualità e di servizi in grando di rendere di nuovo il  mercato un centro pulsante della vita del territorio.

Per questo Difendiamoimercatirionali, insieme a tutti quelli che si sono battuti in questi mesi, intendono  avviare un processo di riflessione sugli spazi, sul ruolo, sulla possibile evoluzione dei mercati, lanciando  fin d’ora la proposta di un convegno/laboratorio, da organizzare insieme a tutti i soggetti interessati e ai  cittadini dei  quartieri.

Ringraziamo quindi  i consiglieri capitolini e municipali che hanno sostenuto quella che è stata per noi anche una  battaglia per la trasparenza e  il Bene Pubblico, gli operatori degli altri mercati che ci hanno offerto solidarietà ed esperienza, gli architetti che hanno lanciato un Appello per il Mercato Metronio, DO.CO.MO.MO, InARCH, Amate l’archietttura e Urban Experience, Quinto Stato, i tanti cittadini e  professionisti che si sono messi a disposizione.

Il nostro  blog continuerà quindi  a lavorare  per i Mercati Metronio, Pinciano, Trieste e anche per tutti gli altri mercati rionali di Roma, che da sempre contribuiscono all’identità della città.

* vai al diario della maratona delle delibere sul sito di Carteinregola

> vai alla sintesi e al dossier sulla vicenda