evento al mercato di piazza dell’unita venerdì prossimo

Venerdì 15 aprile dalle ore 18.30 alle 21.00 il Mercato dell’Unità in via Cola di Rienzo a Roma apre le proprie porte a una serata evento di arte e cultura: la mostra di Claudio Andreoli, Sottocosto#3, tra i banchi chiusi del suggestivo edificio di inizio ‘900, accompagnata da assaggi  di sapori di stagione.

Per Sottocosto#3 l’artista presenta delle minute tavole dipinte e una nuova serie di acrilici su tela (oltre 30 pezzi da 70×70 cm e altre di dimensioni minori): le pitture, ripiegate a fazzoletto, “giocano” con la storia dell’arte, il mercato e il culto per l’opera, e saranno visibili, dopo la serata inaugurale, per l’intera settimana presso i Box 33, 34, 37, 39.

Tutte le opere esposte saranno in vendita “sottocosto” al prezzo di € 9,90.

Il progetto è promosso, in collaborazione con la Takeawaygallery, dalle nuove realtà che si sono insediate nel mercato rionale: BancoTrentaquattro, confezioni e maglieria artigianali di qualità; Magazzino 23.9, che propone arredamento di design, oggetti unici e upcycling; Racconti di Gusto, libreria indipendente specializzata in enogastronomia; Toc Toc, boutique di abbigliamento ed accessori esclusivamente Made in Italy.

Quattro imprese che si sono unite al fine di valorizzarne lo spazio e le potenzialità, mettendo in atto un programma di rilancio delle attività, già iniziato da mesi attraverso la presentazione di libri, workshop e incontri. Pensarne gli ambienti come un luogo di aggregazione, da vivere non solo per acquistare beni di prima necessità: questa la loro sfida.

La mostra di Claudio Andreoli (che si svolge a piano terra) si inserisce nell’impegno di dare diversa visibilità al sito: l’arte contemporanea esce dalla galleria e si fa fattore di coinvolgimento del quartiere (e non solo); di promozione di una visione “innovativa” nell’intendere il Mercato come fulcro di incontro, conoscenza e divertimento.

Con Sottocosto#3 Andreoli prosegue il lavoro “sottocosto” nato già nel 2013. Un progetto “virale”, per avvicinare all’arte chi ne è lontano. Le opere riproducono all’infinito figure, sagome umane che hanno perso ogni riconoscibilità diventando dei segni astratti. Ritratti/autoritratti, una sola immagine che varia in modo impercettibile, che l’autore da oltre tre anni indaga attraverso quadri, sculture e istallazioni e con ogni tipo di materiale e tecnica (dalla piccola tessera/gioiello da un centimetro fino ai “giganti” di oltre tre metri). Un esercito senza volto, una moltitudine omogenea eppure sempre differente, una massa “critica” in cerca della propria identità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...