Il Mercato Esquilino chiuso per gabinetti non a norma?

mercato-esquilino-3Il 28 ottobre la ASL ha disposto la chiusura immediata del Nuovo Mercato Esquilino, il mercato coperto nell’ex caserma Sani in Via Principe Amedeo dove si sono spostati qualche anno fa i banchi del Mercato di Piazza Vittorio. Secondo l’agenzia “Dire” il motivo della chiusura – che riguarda il solo settore alimentare – sarebbe “la non conformita’ dei servizi igienici interni alla struttura. I bagni pubblici, infatti, non sarebbero a norma e non garantirebbero sufficienti livelli di igiene(1). L’informazione ci è stata poi confermata da uno dei consiglieri del Corime Ags (la cooperativa che raggruppa gli operatori del mercato): la ASL, per ogni vano WC, prescrive pareti alte sino al soffitto (5 metri) al posto di quelle esistenti (alte 2,20 metri) e delle bocchette antincendio (che però esistono subito fuori l’ingresso ai WC).

Continua a leggere

ARCHIPORTALE Apre i battenti il Mercato Centrale a Roma Termini

mercato-centrale-da-sitodaArchiportale Apre i battenti il Mercato Centrale a Roma Termini Sotto la Cappa Mazzoniana il progetto firmato dallo studio Q-bic di Firenze

17/10/2016 – Lo scorso mercoledì 5 ottobre ha aperto i battenti il nuovo Mercato Centrale, realizzato nella Stazione di Roma Termini, via Giolitti 36, su progetto a firma dello studio Q-bic di Firenze.

Tutte le eccellenze della città sono riunite sotto la Cappa Mazzoniana, l’architettura progettata da Angiolo Mazzoni negli anni ’30 su un’ala della stazione, nota come il più grande scalo ferroviario del paese.

Il nuovo mercato intende riappropriarsi delle funzioni originarie del mercato, quella di cuore pulsante della vita cittadina, centro di scambio fra diverse culture, dove i consumatori possono avere un contatto diretto con i piccoli produttori e gli artigiani locali.

Continua a leggere

Rivoluzione a «km 0» fra le bancarelle

Più spazio ai produttori agricoli nell’area alimentare: e spariscono i mercati di quartiere

La stampa di  biella23/10/2016 stefania zorio

Biella dice addio ai mercati rionali, rivede l’assegnazione degli spazi a favore dei produttori agricoli e si prepara al rinnovo delle concessioni. La rivoluzione delle bancarelle sarà discussa in Consiglio mercoledì: annunciata più volte ma mai tradotta in concreto, secondo l’assessore al Commercio Stefano La Malfa non può più essere rinviata. La premessa del piano è il cambiamento, con gli anni, delle abitudini di vita dei cittadini, che hanno portato i 9 mercati nei quartieri a diventare sempre più piccoli, fino ad arrivare in molti casi ad avere una sola bancarella.

Continua a leggere

Giochi pericolosi e griffe false, racket cinese dietro ai mercati rionali

Il Faro on line 23 ottobre 2016 –

I materiali erano di proprietà di cinesi residenti in Italia, ed erano concentrati particolarmente nella zona est di Roma di Loredana Suma –

– Romani occhio alle truffe! Cinesi e italiani in affari, affari finiti male, con tredici persone denunciate per vari reati che vanno dalla introduzione fino alla vendita di prodotti contraffatti e/o privi dei requisiti di sicurezza per essere immessi sul mercato capitolino. Avevano organizzato una velocissima “catena di montaggio umana” che operava nelle ore notturne in piazzali ubicati al riparo di occhi indiscreti.

Continua a leggere

Palermo: Consiglio comunale, l’aula si svuota sui ‘mercati rionali’

Palermo: Consiglio comunale, l’aula si svuota sui ‘mercati rionali’. La Colla: «Totale anarchia»

Mentre in Consiglio si discuteva di Mercati rionali, l’aula si è svuota, pronto il commento della consigliera comunale Luisa La Colla. E non mancano gli attacchi all’assessore Marano. Inoltre si interroga sulla fine dei mercati storici.

di Palermomania.it | Pubblicata il: 11/10/2016

La consigliera comunale, Luisa La Colla, in merito alla discussione avvenuta ieri e oggi in Consiglio sul tema dei mercati rionali, fa sapere che «l’assessore Marano invece di dire perché non è stato fatto nulla finora, butta le responsabilità sul Consiglio e alza gli occhi al cielo quando si chiede se tutti i mercati sono autorizzati. L’unica cosa che è stata in grado di fare è la ‘Fotografia’, termine ripetuto da essa stessa di continuo in aula».

Continua a leggere