Riciclo scarti alimentari

Municipio XI, addio agli sprechi? Si lavora al progetto del “banco solidale”
Recuperare gli scarti alimentari alla chiusura dei mercati rionali. E’ la proposta in discussione alla commissione Politiche Sociali del Municipio XI. Palma: “Cerchiamo di restituire dignità alle persone ”

Fabio Grilli
04 aprile 2017 19:20

Ridurre gli sprechi alimentari e l’umiliante pratica dell’accattonaggio. Nel Municipio XI si sta provando a mettere insieme i due obiettivi. Un tentativo ambizioso che l’ente di prossimità sta valutando di raggiungere in un’area circoscritta: i mercati presenti nel territorio.
IL FENOMENO – “Io ho notato che intorno alle quattordici, quando gli operatori chiudono i box, si assiste a scene che ledono la dignità umana – osserva il vicepresidente del Consiglio municipale Marco Palma – non è raro imbattersi in persone intente a raccogliere frutta e verdura da terra, se non addirittura nei cassonetti. Questo fenomeno – stima il consigliere – negli ultimi anni è addirittura peggiorato. In passato trovavi solo gli anziani, mentre oggi tale comportamento lo riscontri anche nei cinquantenni”. Un disagio diffuso nella popolazione che, secondo Marco Palma, è sintomatico di un “impoverimento crescente”.
LA PROPOSTA – A prescindere dalle cause, su cui un Municipio non ha capacità d’intervento, si prova a lavorare sulle conseguenze.“La mia idea, che suggerii già nel 2012, è quella d’instituire una banco solidale. Una cosa semplice che non deve avere l’ambizione di risolvere il problema della fame nel mondo. Cerchiamo di restare pragmatici – incalza Palma – altrimenti si perde l’efficacia e soprattutto non si fa nulla. Pensavo semplicemente ad un banco dove gli operatori del mercato possano lasciare frutta, verdura, al limite il pane invenduto. Poi servirebbe un volontario, magari della protezione civile se è disponibile, in grado di sorvegliare questo banco. Solo per evitare che i prodotti siano presi da un unico cittadino. Tutto qua. E’ un provvedimento finalizzato soprattutto a restituire la dignità a quelle stesse persone che, oggi, raccolgono quei generi alimentari da terra o nei cassonetti”.
IL TEMPO TRASCORSO – La proposta cui faceva riferimento Marco Palma, è già al vaglio della comissione Politiche Sociali del Municipio XI. Pertanto, una volta approfondita ed eventualmente limata, dovrebbe finire all’esame dell’ aula consiliare. Il percorso per realizzare un “banco solidale” è stato comunque avviato. Ma questo era già successo due consiliature fa. Il tempo per valutare la proposta, non è mancato.
Marco Palma   Romatoday

Tweet

Annunci

Mercato San Teodoro, il Tar dà ragione all’Amministrazione capitolina

22 marzo: Mercato San Teodoro, il Tar  dà ragione all’Amministrazione capitolina in merito alla decisione di affidare il Mercato agricolo di San Teodoro con un bando trasparente, aperto e in tempi brevi. Nel dispositivo che respinge la richiesta di sospensiva, il giudice amministrativo sottolinea espressamente che la decisione di subordinare la concessione a una “procedura di evidenza pubblica è funzionale al perseguimento di interessi pubblici” che – prosegue l’ordinanza – “appaiono prevalenti tenuto conto dei principi costituzionali di imparzialità e buon andamento nonché di matrice europea” sottolineando  anche che “la circostanza che la procedura di evidenza pubblica per l’individuazione del gestore sia stata immediatamente avviata dà congruamente conto della premura con la quale l’amministrazione capitolina intende perseguire l’interesse pubblico sotteso all’utilizzo dell’immobile a fini mercatali” (> leggi l’articolo sul sito del Comune)

Maercato Garbatella: nessun fondo, perchè?

Garbatella: niente fondi per i mercati dell’VIII. “Quali criteri hanno prevalso?”
Il Comitato per la tutela della Garbatella, punta il dito contro l’amministrazione Raggi. Moccia: “Nel quartiere come nel Municipio bisognerebbe intervenire su molti mercati. Perchè ci ignorano?”

Redazione Roma Today 23 marzo 2017 18:05

Continua a leggere

Romatoday: Mercati rionali, contro le “nuove tasse” parte il ricorso al Tar

Mercati rionali, contro le “nuove tasse” parte il ricorso al Tar
Un emendamento al bilancio di fine gennaio fissa nuove regole: la metà delle tasse viene sottratta al regime di autogestione tornando nella casse del Campidoglio. Le associazione si rivolgono ai giudici

Ginevra Nozzoli 24 marzo 2017 13:05

Se il cambio di regole è legittimo lo decideranno le toghe di via Flaminia. Dopo la decisione del Consiglio comunale di aumentare agli operatori dei mercati rionali la percentuale di tasse da corrispondere al Campidoglio, il coordinamento Ags e le associazioni dei lavoratori hanno presentato ricorso al Tar. Di cosa parliamo?
Bollette di acqua e luce per illuminare il plateatico, pulizia delle corsie e dei bagni pubblici, vigilanza notturna, piccoli lavoretti di manutenzione ordinaria, sono mansioni che gli operatori dei mercati rionali, fin’ora, hanno pagato trattenendo le tasse dovute all’ente locale. Un’autonomia nell’amministrazione dei servizi interni stabilita nera su bianco da convenzioni firmate negli anni dal Comune e dalle cooperative dei singoli mercati, oltre 40 in tutta Roma, “autogestiti”. Ora invece sono arrivate nuove regole. Con un emendamento alla manovra di bilancio, l’amministrazione Raggi ha fissato criteri diversi: la percentuale di canone che andrà direttamente nelle casse del Comune sale dal 10/20 per cento (cifra variabile a seconda che i posteggi assegnati siano stati realizzati dall’amministrazione o degli operatori) al 50 per cento, la metà.

Continua a leggere