Mercato Nuovo Testaccio

                                  

Municipio  I

Data:  maggio 2015

                                                                         A cura di riccardo varanini

Indirizzo: via Luigi Galvani – 00153

Anno di costruzione: 2012

Giorni di apertura: lunedì-sabato

Orari: lunedì-sabato 07.00-14.00; venerdì 07.00-19.00

Siti: http://www.mercatidiroma.com/mercato-testaccio/testaccio

http://www.testaccionews.it/index.php/11-home/42-nuovo-mercato-di-testaccio

Gestione: Ags, con un direttivo di 6 persone

 

Tot. banchi vendita*: 102 di cui operativi 102

Produzione propria: sì; cibo vegano: 1 stand; attività diverse; somministrazione: molti stands; parrucchiere: 1 stand

Canone mensile del box (per 20 mq): € 460,00 alla CoGeIm S.p.A.

Il costruttore (COGEIM S.p.A.) riscuoterà gli affitti per 30 anni e poi renderà tutto al Comune

 

Servizi igienici: sì, gratuiti.

Impianto elettrico: a norma

Impianto idrico, scarichi e fognature: funzionanti e senza problemi

Condizioni generali dell’edificio: buone, la costruzione è recentissima

Alcuni problemi di infiltrazioni d’acqua nei punti di cattiva esecuzione dei lavori

 

Raccolta rifiuti: senza problemi

L’Ama ha subappaltato la pulizia a una cooperativa. Non è stata mai autorizzata la centrale di riciclaggio dei rifiuti richiesta dall’Ags (da impiantare a sue spese)

Parcheggio: è privato ma riserva il 30% dei posti per i clienti del mercato

Nell’edificio esistono anche un albergo, agenzie, locali vari, ristoranti, ufficio della Provincia

 

* Le licenze non sfruttate sono restituite al Comune che ogni 2 anni istruisce un bando.

 

 

 

(Dall’indagine del CNA 2013 “Ripensando il Mercato Rionale”; scarica indagine CNA formato scaricabile)

 

“Testaccio” via Luigi Galvani

 

È cronaca recente: il nuovo mercato di Testaccio è stato inaugurato da neanche un anno e del suo trasferimento se ne parlava da almeno un decennio. Il progetto iniziale, oltre ai parcheggi ed al sottostante museo archeologico, avrebbe dovuto prevedere un contiguo Centro commerciale. Il cantiere era già aperto (4 anni fa) quando l’investitore privato ebbe l’opportunità di realizzare, al suo posto, uno spazio istituzionale, gestito dalla Provincia di Roma, diretto a sostenere le opportunità di lavoro giovanile. Contravvenendo a “leggi” non scritte, che vorrebbero un mercato rionale mai inaugurato durante i mesi estivi (la vita del quartiere risente dello spopolamento vacanziero), l’Amministrazione Comunale impose l’apertura della nuova struttura a luglio, assecondando le forti pressioni esercitate dal privato costruttore, che voleva poter esigere gli alti canoni dovuti dagli operatori, altrimenti riscuotibili 2 mesi più tardi. Non erano “strumentali” in quel momento le posizioni contrarie al trasferimento dalla storica sede di piazza Testaccio. Suscitavano perplessità i risultati delle operazioni di collaudo alla struttura, che poi s’è rivelata, già durante la stagione autunnale, soggetta a qualche evidente deficit di realizzazione: uno per tutti, quello che, in più occasioni, ha causato allagamenti di acqua piovana, infiltratasi dalle coperture sovrastanti.

 

Un mercato che ha dovuto poi aspettare qualcosa come 9 mesi per vedere, finalmente allestita, la segnaletica adeguata alla sua intervenuta ricollocazione e trasferito altrove il farmer’s market, sino a quel momento ospitato all’interno dell’ex mattatoio. Operazione questa, rientrante nella trattativa intercorsa con la stessa Amministrazione, nelle more del diktat imposto per entrare a luglio, in una struttura non ancora ultimata. A servizio del mercato, limitatamente alle ore della mattina, ci sono 60 posti macchina del parcheggio realizzato dall’impresa costruttrice, che i clienti possono utilizzare alla contenuta tariffa di 1 €. Non tutti e 103 i potenziali sub-concessionari si sono sentiti di ricominciare l’avventura nella nuova sede. Hanno dato forfait alcuni produttori, mentre altri hanno trasformato l’originaria attività. Occorrerà del tempo per valutare se, quelli che sono stati i primi riscontri commerciali negativi, siano da addebitarsi alla nuova ricollocazione oppure soprattutto all’attuale recessione dei consumi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...