Mercato Torpignattara

                                       

Municipio  V

Data:  maggio 2015

                                                                          A cura di riccardo varanini

 Indirizzo: via Francesco Laparelli – 00176

Anno di costruzione: 2003-2004

Giorni di apertura: lunedì-sabato

Orari: 06.00-14.00

Gestione: Ags in autogestione

Siti: https://vimeo.com/34167715

http://www.mercatidiroma.com/home/torpignattara

Tot. banchi vendita*: 40 di cui operativi 14

Produzione propria: un banco

Negozi esterni: dal 2010 c’è Eurospin (discount) al piano superiore

Canone mensile del banco: € 428,00

Servizi igienici:

Impianto elettrico: a norma

Impianto idrico, scarichi e fognature: in buone condizioni

Condizioni generali dell’edificio: di recente costruzione, presenta solo problemi dovuti a mancanza di climatizzazione

Raccolta rifiuti: senza problemi

Parcheggio: c’è  un parcheggio privato convenzionato

 * da I Mercati comunali a Roma, ricerca effettuata nel 2012 dall’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali del Comune di Roma, risulta un totale di 43 banchi

 (Dall’indagine del CNA 2013 “Ripensando il Mercato Rionale”; scarica indagine CNA formato scaricabile)

 “Tor Pignattara” via Francesco Laparelli

 Trattasi di un primo esempio (non riuscito) di progetto di finanza privata, utilizzato per la riqualificazione dei mercati comunali da ristrutturare. La possibilità si presentò a meta degli anni ’90 ma tutta una serie di impedimenti procedurali (tra l’altro si scoprì che la vecchia struttura annonaria, già coperta, fosse priva della concessione edilizia…) ritardarono la realizzazione dell’opera. Tant’è che molti operatori chiusero nel tempo e definitivamente l’attività o la trasferirono in altri mercati. Infine furono 37 quelli che, costituitisi in cooperativa, parteciparono in prima persona all’operazione, facendosi carico delle spese progettuali, per un importo che ammontò a circa 300.000 euro. Dopo una lunga permanenza provvisoria dei banchi nella vicina via Filarete, nel 2004 i rivenditori tornarono ad occupare la nuova struttura in via Laparelli. Il mercato venne ospitato al piano terra mentre al primo livello furono insediate inizialmente 3 medie strutture no food. L’operazione si rivelò commercialmente sbagliata. Ben presto proprio le 3 medie strutture chiusero i battenti e, attraverso un protocollo d’intesa, la stessa cooperativa di rivenditori dette il nulla-osta all’apertura, due anni più tardi, di un discount alimentare, che garantisse loro la non concorrenza sulla commercializzazione di prodotti freschi.

Le attività di mercato, seppur ospitate in una contesto esteticamente invidiabile e all’interno di banchi spaziosi e ben arredati, hanno progressivamente accusato gli effetti di una operazione commerciale evidentemente non riuscita. Quella che è stata una trasformazione, da mercato a centro commerciale, non ha sortito gli effetti sperati. Tra l’altro anche i costi di gestione sono risultati essere troppo onerosi. Uno tra tutti, quello dei consumi idrici, che la cooperativa degli operatori ha affrontato anche per le utenze non direttamente legate alle sue pertinenze. Un intervento volto a superare lo specifico problema, con un costo valutato intorno ai 25.000 euro, è stato recentemente sollecitato nei confronti del Dipartimento VIII, ma ancora disatteso per carenza di risorse disponibili.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...