Mercato Vittoria

                                                 

Municipio  XVI

Data:  maggio 2015

A cura di riccardo varanini

Indirizzo: via Montesanto 31 – 00195

Anno di costruzione: 1958-59

Giorni di apertura: lunedì-sabato

Orari: lunedì-sabato 07.00-14.00

Gestione: Ags

 

Tot. banchi vendita*: 96 di cui operativi 48

Produzione propria: 4 banchi; attività diverse: libri, calzolaio, vestiti, caffè

Canone mensile del banco: € 100,00 al Comune di Roma; 150,00 all’Ags

Servizi igienici:

Impianto elettrico: da rifare

Impianto idrico, scarichi e fognature: da rifare

Condizioni generali dell’edificio: bisogna rifare la copertura

Il Comune sostiene che il rifacimento del tetto rientra nella manutenzione ordinaria a carico dell’Ags

 

Raccolta rifiuti: senza problemi

Gli operatori non fanno la differenziata

Parcheggio: non c’è il parcheggio

Ciò crea molti problemi

 

* da I Mercati comunali a Roma, ricerca effettuata nel 2012 dall’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali del Comune di Roma, risulta un totale di 92 box

 

 

 

(Dall’indagine del CNA 2013 “Ripensando il Mercato Rionale”; scarica indagine CNA formato scaricabile)

 

“Vittoria” via Montesanto

 

Il peso degli anni appare in tutta la sua evidenza in questo mercato coperto che, l’ultima volta, venne riqualificato durante gli anni ’80. Specie la sala vendita e i suoi posteggi riservati al settore ortofrutticolo, occupati per circa il 50% e dimensionati secondo parametri non più consoni ad una offerta commerciale adeguata, sarebbero assolutamente da rivedere. Ad un certo punto la costituita associazione degli operatori presentò anche un progetto di accorpamento dei banchi, che avrebbe raddoppiato le superfici disponibili di ognuna delle attività. La tempistica che vide pubblicato il bando per l’assegnazione dei posteggi vacanti e la lunghissima durata delle procedure, hanno impedito l’esprimersi di tale volontà. Nella finestra di dialogo aperta dal Comune con gli investitori privati, per vedere finanziata anche l’eventuale riqualificazione di questa struttura, alla fine la commissione deputata a giudicare la validità economica dei progetti presentati, decise di non inserirlo tra quelli di interesse. Poco male, dal momento che poi, per divergenze di merito intervenute nell’ambito della stessa maggioranza di governo capitolino, il capitolo dei nuovi project financing è stato momentaneamente riposto nel cassetto.

A livello commerciale, è innegabile come la struttura soffra la concorrenza storica del mercato di via Andrea Doria. Le attività di merci varie patiscono poi anche la vicinanza delle bancarelle di via Tito Speri, il cui mercato esercita un’attrattiva particolare favorita dalla visibilità che le sue attività esercitano, rispetto a quelle “nascoste” all’interno della struttura coperta. Ciò nonostante, attraverso il più volte richiamato bando, diverse assegnazioni hanno riguardato proprio i box perimetrali destinati al settore non alimentare.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...