Il nuovo Assessore al commercio Cafarotti e cosa pensa dei mercati rionali

CPapi810_9447_rit_450x298.jpgDal 10 maggio Adriano Meloni non è più l’Assessore allo Sviluppo Economico della Giunta Raggi.  Al suo posto è arrivato  Carlo Cafarotti, ex consigliere municipale M5S e dal luglio 2017  Delegato della Sindaca per il Municipio VIII per la  progettualità e  lo sviluppo di modelli partecipativi sul territorio.In calce la biografia e le info dal sito di Roma Capitale. Qui sotto un’intervista di FarodiRoma su cosa pensa il neoassssore dei Mercati rionali  (AMBM)

Roma Capitale e la realtà dei mercati rionali, una soluzione sempre più densa di miglioramenti

“I mercati di Roma sono parte viva del tessuto economico, produttivo e sociale della città. Una dimensione pulsante, rappresentativa, cui teniamo molto. Realtà che per essere supportate, comprese a fondo, vanno visitate, ‘ascoltate’”; sono queste le prime parole di Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo Economico, al Turismo e al Lavoro.

L’esponente della Giunta presieduta da Virginia Raggi ha deciso di inaugurare la sua staffetta di sopralluoghi “operativi” al Mercato della Magliana, zona a lui particolarmente cara perché teatro della sua infanzia. “Organizzato, frequentato, attivo, più del 90% delle sue postazioni sono state assegnate: un bell’esempio di gestione da parte delle AGS, le Associazioni Gestione Servizi costituite dagli operatori dei mercati, che hanno in affido circa l’80% del totale dei mercati rionali coperti e plateatici”.

Continua a leggere

Annunci

MAGNA ROMA, il rapporto di Terra! Onlus sui mercati rionali

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ stato presentato al Mercato Trieste “Magna Roma – rapporto sulla crisi dei mercati rionali nel Comune agricolo più grande d’Italia”. Un’indagine sullo stato di salute dei mercati di quartiere e sui legami con l’agricoltura del territorio. La ricerca offre uno spaccato delle forti criticità che affliggono il settore, ma mette anche in risalto i suoi punti di forza, da cui ripartire per costruire una strategia alimentare urbana che oggi manca alla capitale d’Italia.

Proponiamo il rapporto (scarica magna_roma ), un report della conferenza stampa  di Maria Spina di Difendiamoimercatirionali e la presentazione dell’iniziativa sul sito dell’Associazione.

10 febbraio  report della Conferenza stampa al Mercato Trieste

di Maria Spina

 Per la presentazione del rapporto MAGNA ROMA. Perché nel Comune agricolo più grande d’Italia i mercati rionali stanno morendo, curato da Francesco Panié dell’Associazione Terra!, la conferenza stampa al mercato Trieste ha registrato un parterre de rois di eccezione. Nel pubblico, fra gli altri: Marianna Madia (Ministra della Pubblica Amministrazione), Carlo Hausmann (Assessore all’Agricoltura, Regione Lazio), Dario Tamburrano (Deputato al Parlamento Europeo M5S), Andrea Coia (Presidente della Commissione Commercio  Roma Capitale, M5S), Marta Leonori (Assessora al Commercio nella Giunta Marinoe ora candidata PD alla Regione Lazio), Valeria Baglio (Consigliera PD di roma Capitale e della Città Metropolitana di Roma Capitale), Francesca Del Bello (Presidente del Municipio 2), Andrea Alemanni (Assessore alle Attività produttive cultura e sport del Municipio 2), Antonio Rosati (Amministratore dell’ARSIAL).

Continua a leggere

Da Torino: il Comune chieide l’esclusione dalla direttiva Bolkestein per i mercati rionali

Torino Mercato di Porta Palazzo

Torino Mercato di Porta Palazzo

La Città è al fianco dei mercatali, chiesta l’esclusione dalla direttiva Bolkestein
Dalla primavera del 2017 anche gli operatori dei mercati della città dovrebbero partecipare a bandi di gara. La liberalizzazione consentirebbe anche alle società di capitali di entrare in competizione e questo potrebbe generare la perdita di migliaia di posti di lavoro.
Andrea Abbattista venerdì 26 agosto 2016 – 08:50 commenti

da http://www.diarioditorino.it/torino/articolo/?nid=20160826_389494

TORINO – La sindaca Chiara Appendino si schiera a fianco degli operatori ambulanti dei mercati rionali della città. Lo fa apertamente, dicendo che la Città di Torino chiederà al Governo di escludere questi dall’applicazione della direttiva «Bolkestein», così come aveva più volte affermato in campagna elettorale e inserito nelle linee di mandato approvate dal Consiglio Comunale il 28 luglio scorso. «I mercati rappresentano una ricchezza per la Città e noi pensiamo che debbano essere tutelati in ogni modo», le parole di Appendino al riguardo, «l’applicazione della direttiva Bolkestein per questa categoria potrebbe causare gravi problemi alle piccole imprese locali, consegnandole all’incertezza e alla precarietà». La direttiva, emanata dall’Unione Europea e recepita nel 2010 dal Governo italiano, con l’articolo 12 inserisce gli ambulanti tra le categorie coinvolte nella liberalizzazione dei mercati. Così facendo, tutti gli anni a partire dalla primavera del 2017, gli operatori mercatali dovranno partecipare ai bandi per il rinnovo delle licenze con la concorrenza fortissima delle società di capitali, le quali possono prendere parte alla gara.

Continua a leggere

Elezioni 2016: quello che chiediamo per i mercati rionali

testata convegnoLe richieste ai candidati Sindaco, Presidente di Municipio, consiglieri comunali e municipali

Difendere un patrimonio pubblico e rilanciare i mercati rionali

A cura del gruppo Mercati Rionali di Carteinregola

Nei Municipi di Roma sono presenti oltre 120 mercati rionali – coperti, plateatici attrezzati e su sede stradale o “impropria” – di piccole, medie e grandi dimensioni, di proprietà di Roma Capitale. Ventinove sono le strutture coperte, distribuite nel centro come nelle periferie, che in buona parte versano in uno stato di fatiscenza a causa degli scarsi (o inesistenti) investimenti pubblici per la loro manutenzione e che subiscono una progressiva flessione del numero di operatori. In molti casi gli edifici si trovano in aree prestigiose della città e per questo sono stati in passato oggetto di progetti di interventi privati che li avrebbero ristrutturati – in certi casi abbattuti – per ricavarne cubature immobiliari commerciali, direzionali e residenziali, che ne avrebbero distrutto l’anima e la natura di piazza pubblica, luogo di incontro e cuore dei quartieri. Carteinegola, a cavallo del 2012 e 2013, si è battuta contro le delibere che prevedevano project financing e scambi immobiliari, riuscendo, dopo 4 mesi di presidio in Campidoglio,   a fermare i propositi dell’amministrazione. Ma le problematiche dei mercati rionali sono complesse e tuttora irrisolte.

Continua a leggere