Cooperativecity: Mercato Metronio, il ruolo di un mercato nel creare una comunità locale

da Cooperativecity Mercato Metronio – the role of a market in creating a local community

Una cosa importante in questo mercato storico è il rilancio della struttura che da anni ha qualche inefficienza dovuta alle gestioni del Comune e a leggi regionali che sono incongruenti con l’attuale situazione dei mercati rionali.

Ricordiamo che il Metronio è un mercato storico, di importanza fondamentale, costruito nel ’50 dall’architetto Morandi. Ci sono operatori che lavorano in questa struttura da decenni, quindi anche loro sono orgogliosi del fatto che venga rilanciata. Insieme agli operatori che sono qui da tanti anni ci sono anche operatori giovani pronti a rimettere in moto questa bella macchina che è il mercato Metronio.

Continua a leggere

Annunci

Mercato Metronio: qualcosa si muove (grazie al VII Municipio)

magna grecia lightRiceviamo buone notizie dal nostro socio Alessandro Albanesi, Presidente dell’AGS del Mercato Metronio di Via Magna Grecia. L’edificio, di proprietà del Comune di Roma, da anni versa in una situazione di degrado, come l’annessa autorimessa da 500 posti auto attualmente chiusa proprio per inagibilità.

Continua a leggere

I mercati rionali, un tema ricorrente

Pubblicato il 24/02/2015 di carteinregola
Dopo due anni di battaglie contro la Delibera dello scambio immobiliare dei mercati rionali e contro i project financing dell’era Alemanno (progetti comunque “bipartisan”, sia dal punto di vista  dei sostenitori che di quello degli oppositori),  oggi ci siamo molto preoccupati leggendo sul quotidiano La Repubblica un articolo dal titolo Affittopoli, spuntano i mercati rionali, (1) in cui, rilanciando un comunicato di Alessandro Onorato, capogruppo della Lista Marchini, a proposito della delibera per la vendita di immobili pubblici,  si tirano in ballo vari negozi che appartengono ai compendi mercatali di Via Chiana e via Antonelli…

metronio_banchi_dall__alto

Mercato Metronio, foto AMBM

 Si chiede Onorato, dopo aver ottenuto (pare dopo aver chiamato i carabinieri) l’elenco  di  altri  970  immobili di proprietà di Roma Capitale non  (ancora?) messi in vendita, quali siano stati i criteri della selezione dei 571 immobili di Roma Capitale inseriti  nella delibera in questi giorni in discussione all’Assemblea Capitolina (2). E anche  se dalla lettura del comunicato originale  del consigliere di opposizione (3), si evince che la citazione dei mercati  nell’articolo di  Repubblica  è farina del sacco degli autori, e non di Onorato,  pensiamo che sia sempre utile “rinfrescare la memoria” su un tema che ci sta particolarmente a cuore. Perchè contro  la cessione a  privati dei mercati rionali –  sotto forma di scambio immobiliare o di project financing –  noi ci siamo impegnati  per più di due anni. E ritrovare oggi,  estratti  da quell’elenco di   970  immobili e messi in bella evidenza,   anche alcuni locali commerciali  all’interno di due compendi mercatali   assai appetibili dal punto di vista immobiliare,  i  mercati rionali di  Via Chiana e di  via Antonelli, nei prestigiosi quartieri Trieste e Parioli, con annesse autorimesse e vari negozi, ci spinge a tornare un’altra volta sull’argomento.

Continua a leggere

La Delibera dei Mercati oggetto di indagine della magistratura

Da  anni chiediamo invano che le procedure  per l’assegnazione degli interventi del Piano Urbano Parcheggi (compresi  quelli di ampliamento delle autorimesse di alcuni mercati rionali) vengano riportate all’interno di un sistema di regole guidate dall’interesse pubblico.   E che venga fatta chiarezza sulla situazione giuridica, specialmente  dopo la fine dei poteri speciali del Sindaco per l'”emergenza traffico”. Oggi apprendiamo dai giornali che si è mossa la magistratura…

art repubblica pup mercati 3 ottobre 2014

Oggi Repubblica, Il Messaggero e il Corriere della Sera annunciano che sono in corso  indagini  sulla vicenda dello scambio immobiliare dei mercati. Il Messaggero: «Patto sui parcheggi» l’ex assessore Funari indagata per mazzette” Tredici indagati: imprenditori, dipendenti pubblici e politici. Le ipotesi della procura sono di corruzione, istigazione alla corruzione, truffa aggravata e abuso d’ufficio: perché un ex assessore ha barattato la gestione di mercati e parcheggi con appartamenti in periferia per fare fronte all’emergenza abitativa. Ieri i militari del nucleo Tributario della Guardia di Finanza si sono presentati nell’ufficio e nell’abitazione di Lucia Funari, ex assessore al Patrimonio della giunta Alemanno. Il sospetto del procuratore aggiunto Francesco Caporale e del pm Maria Letizia Golfieri è che dietro a quel ”patto” ci fossero mazzette. L’inchiesta, partita nel 2012, riguarda l’affidamento ad alcuni imprenditori dei mercati in via Cola di Rienzo, in via Chiana, al Salario, in via Antonelli, ai Parioli e in via Magna Grecia. Sul registro degli indagati, oltre al nome dell’ex assessore Funari, sono finiti anche quelli di Antonio Zambrini e Giuseppe Loddo, dirigenti del dipartimento Programmazione e attuazione del Campidoglio. L’ipotesi è che i pareri e le decisioni per l’affidamento delle areee in zone strategiche della città siano state in qualche modo condizionate da mazzette e regalie. Sotto accusa la Cam, srl, di Angelo Marinelli, anche lui indagato, la ”Augusta Parcheggi” e la ”Marco Polo 2010”, le società che hanno ottenuto gli appalti.…(leggi l’articolo

Il Corriere della Sera (scarica l’articolo Parcheggi 3.10.2014)

Continua a leggere

Delibera dei mercati: a volte ritornano…

Manifestazione contro la delibera dei mercati rionali a San Giovanni

Manifestazione contro la delibera dei mercati rionali al Mercato Metronio di San Giovanni

Domani 1 ottobre doppia seduta della COMMISSIONE COMMERCIO in Via dei Cerchi 6: alle ore 9  con ODG “Analisi normativa relativa alla realizzazione dei PUP in aree mercatali” e alle ore 11 con ODG “Riesame progetti relativi ai mercati “Pinciano” e “Trieste”.

Carteinregola e Cittadinanzattiva Lazio Onlus scrivono all’Assessore Improta per chiedere spiegazioni sulla “resurrezione” dell’ipotesi di cessione di tre importanti mercati rionali della Capitale a una ditta “proponente” di un ampliamento dei parcheggi, ricordando ancora una volta che da  un anno sono in attesa della risposta del Comune rispetto a un  parere giuridico sulle  procedure da adottare per gli interventi nei tre mercati  e del Piano Urbano Parcheggi (P.U.P.) in generale .

Manifestazione "Difendiamo il Mercato Metronio"

Manifestazione “Difendiamo il Mercato Metronio”

“...Caserme e carceri, ospedali e manicomi, mattatoi e gasometri, ex depositi, mercati, ex fiera. La sottocultura dominante ha guardato a questi beni, che generalmente hanno perso l’originaria funzione, con un unico scopo: massimizzare il valore di scambio o, in modo del tutto equivalente, considerare la consistenza edilizia come asset patrimoniale da iscrivere a bilancio. L’amministrazione Alemanno ha praticato in modo sistematico questa sottocultura a cominciare dalla svendita dei mercati e ha portato avanti la proposta di dismissione dei depositi Atac, sottovalutando le potenzialità di questi beni connesse al
valore d’uso: dall’abitare al lavoro, dai servizi pubblici all’accoglienza, alla cultura e all’arte.
Raccoglieremo e stimoleremo tutti i contributi e le proposte per la loro riqualificazione e per restituire questi spazi a una piena utilizzazione“.

Le scuole, le biblioteche, la casa del welfare che vogliamo istituire, i mercati rionali, i
teatri di cintura e gli spazi per coworking costituiranno una rete di spazi pubblici diffusi con cui vogliamo favorire l’incontro e la socialità e affermare il diritto alla città inteso come emancipazione culturale e sociale degli abitanti”

Ignazio Marino, Roma è vita programma elettorale 2013

Iniziativa al Mercato Pinciano

Iniziativa al Mercato Pinciano

Si riapre  la vicenda della Delibera 129/2011(1), quella che aveva impegnato per  due anni operatori dei mercati,  Cittadinanzattiva Lazio, associazioni di architetti, comitati di quartiere e cittadini, contro il ventilato scambio immobiliare tra una ditta privata, che avrebbe ceduto un imprecisato numero di alloggi destinati all'”housing sociale” e il Comune, che avrebbe ceduto  tre compendi immobiliari in zone pregiate –  Parioli, Trieste e San Giovanni – con  mercati coperti, autorimesse da centinaia di posti auto e  negozi (2). Un piccolo tesoro pubblico, che sarebbe passato a un privato – e qui sta il punto –  senza nessuna  gara pubblica  – peraltro prescritta non solo dalle norme europee, ma anche  dal TAR, che aveva  confermato che  il Comune,  dopo l’uscita di scena  del precedente gestore privato dei  mercati e dei parcheggi, avrebbe dovuto procedere all’affidamento tramite bando pubblico. Invece l’allora sindaco Veltroni, neocommissario per l’emergenza traffico e mobilità, usando i poteri speciali, aveva emanato nel 2006/2007  due ordinanze commissariali in cui erano  inseriti nel P.U.P. anche i  tre compendi mercatali, come interventi di “ampliamento” dei parcheggi già esistenti. Si tratta di qualche decina di posti auto in più da ricavare scavando un ulteriore piano interrato sotto autorimesse da centinaia di posti, ma la semplice previsione ha permesso  alla ditta di farsi avanti a più riprese per ottenere in concessione, non solo i garages, ma addirittura tutti gli edifici, con la prospettiva – per  ora bloccata – di demolirli e ricostruirli , con vari piani di parcheggi sotterranei e soprattutto vari piani in più sopra le aree mercatali, destinati a diventare uffici, negozi, e soprattutto appartamenti.

Continua a leggere